21 Agosto 2017: l’eclissi che l’America aspettava da 1 secolo

37

eclissiLa tanto attesa eclissi totale è arrivata. Il 21 Agosto 2017 il sole è stato oscurato completamente dalla luna in buona parte dell’America. Purtroppo questa eclissi non è stata minimamente visibile dell’Italia e dal resto dell’Europa.

Il fenomeno è durato un’ora e mezza e ha attraversato 14 stati americani, da ovest a est.

Circa 200 milioni di americani hanno assistito allo spettacolo, che è anche stato seguito in diretta in tutto il mondo sul sito della Nasa.

eclissi

Un’eclissi di Sole si verifica quando la Luna si trova tra la Terra e la nostra stella. Per questo avviene solamente durante la “Luna nuova”. Il nostro satellite proietta sul pianeta la sua ombra.

eclissi

Chi si trova fuori dal corridoio della totalità può osservare una eclissi parziale. A seconda della distanza di Terra, Luna e Sole l’eclissi può essere totale oppure anulare (quando la dimensione apparente del disco lunare non copre totalmente il Sole e si osserva un anello di luce) 

‘Si prepara a diventare l’eclissi di sole più osservata della storia e anche la più mediatica” ha detto all’ANSA l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. ”La sua popolarità – ha spiegato – si deve al fatto che coinvolgerà un territorio vasto, praticamente tutta la parte centrale degli Stati Uniti, e molto popolato.

Non solo sguardo al cielo. Durante un’eclissi solare i satelliti rivolti verso la Terra, oppure gli astroauti dalla Stazione spaziale internazionale, possono vedere l’ombra della Luna che viaggia sulla superficie del nostro pianeta come nella foto qua sotto.

eclissi

eclissiPer osservare un’eclissi solare non bastano i normali occhiali da sole. Servono visori con filtri appositi, altrimenti si rischiano seri danni alla retina, fino alla cecità. Solamente durante la totalità è possibile toglierli per ammirare lo spettacolo del cielo che si oscura e, come di notte, appaiono le stelle e i pianeti altrimenti invisibili di giorno.

eclissi

Save

Save

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here