7 milioni di account Adobe Creative Cloud in pericolo. Un consiglio? Cambiate password!

204

Adobe Creative CloudAdobe nelle settimane scorse ha involontariamente esposto a tutti un database comprendente i dati sensibili di 7,5 milioni di account Adobe Creative Cloud, rischiando d’innescare truffe di phishing malevole.

La falla è stata segnalata dall’azienda Comparitech che ha trovato online un database completamente privo di password o crittografia che aveva memorizzato parecchi dati di utenti utilizzatori della famosa suite Adobe Creative Cloud.

I dati presenti all’interno del database includevano indirizzi email, data di creazione dell’account, software utilizzati, stato dell’abbonamento. Sembra (ma non è ufficiale) che le password non fossero all’interno di questo database ma nel dubbio Adobe consiglia a tutti di cambiare la propria password onde evitare problemi in futuro.

Adobe ha confermato questo problema ed ha rilasciato un comunicato ufficiale sul proprio sito che dice:

“In Adobe crediamo che la trasparenza con i nostri clienti sia una delle cose più importanti. Ecco il motivo per cui vogliamo condividere un aggiornamento di sicurezza.

Alla fine della scorsa settimana, Adobe è venuta a conoscenza di una vulnerabilità legata al lavoro svolto su uno dei nostri ambienti di test che ha involontariamente esposto dati degli account Adobe Creative Cloud.

Abbiamo prontamente risolto il problema chiudendo l’ambiente di test configurato male. Tale ambiente conteneva informazioni inclusi indirizzi email, ma non includeva password o informazioni finanziarie. Stiamo rivedendo i nostri processi di sviluppo per aiutare a prevenire simili problemi in futuro. “

Da informatico quale sono volevo mettervi in guardia perchè si, Adobe ha esposto solo indirizzi email e non le vostre password, ma state attenti perchè potreste ricevere messaggi da hacker (che si spacciano per Adobe) che vi consigliano di “CLICCARE QUA PER CAMBIARE LA PASSWORD”….e allora dopo la frittata è fatta.

Un consiglio? Occhio alle email ricevute da Adobe (potrebbero non essere loro) e a prescindere da tutto cambiate la vostra password di Adobe Creative Cloud!

© Riproduzione riservata