Dietro le quinte del calendario Pirelli 2017

101

calendario Pirelli 2017

Tanti fotografi sognano di farlo, in pochissimi ci riescono! Stiamo parlando del Calendario Pirelli 2017 che quest’anno porta la firma del fotografo tedesco Peter Lindbergh, alla sua terza esperienza con questo calendario. Nel calendario Pirelli 2017 Lindbergh ha immortalato quattordici attrici che hanno accettato di apparire agli occhi del mondo senza trucco, esponendosi all’imperfezione e al difetto.

Jessica Chastain, Penelope Cruz, Nicole Kidman, Rooney Mara, Helen Mirren, Julianne Moore, Lupita Nyong’o, Charlotte Rampling, Lea Seydoux, Uma Thurman, Alicia Vikander, Kate Winslet, Robin Wright, Zhang Ziyi sono le quattordici attrici e modelle che hanno esibito la loro semplicità non solo in studio ma anche per le strade di New York, Los Angeles, Berlino, Londra, con un obiettivo preciso: «Liberare le donne dall’idea di eterna giovinezza e perfezione».

La notizia dell’uscita del calendario Pirelli 2017 non è fresca ed è uscita diversi mesi fa, ma quello che volevo condividere con voi oggi è questo video che racconta il “dietro alle quinte” realizzato durante la realizzazione del calendario. E’ interessante vedere come lavora il fotografo con questi soggeti ed ascoltare Lindbergh raccontare di come i suoi soggetti “naturali” si sono approcciati davanti alla fotocamera.

«Spogliando l’anima le donne diventano più nude del nudo» dice Lindbergh che ha scelto «Emotional» come titolo per il calendario del 2017, si fa dunque interprete della bellezza reale, contro quella virtuale che offre immagini manipolate (potere di Photoshop), simulacri irreali di perfezione che alterano la percezione del corpo femminile e ingabbia non solo le donne, alla ricerca disperata di un corpo che non esiste in natura, ma intrappola anche gli uomini, animati da desideri erotici che non corrispondono al vero.

Il video dura 50 minuti ma ne valgono la pena. Buona visione.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here