Addio a David Goldblatt. Ha ritratto per 50 anni il Sudafrica dell'apartheid

Pubblicato il 26/06/2018


David Goldblatt

È morto all'età di 88 anni David Goldblatt, il fotografo documentarista sudafricano che ha raccontato per oltre mezzo secolo l'inumanità dell'apartheid nei volti del suo popolo.

David Goldblatt è nato nel 1930 a Randfontein in una città mineraria a ovest di Johannesburg. Dopo la laurea in commercio conseguita all'università di Johannesburg, ha iniziato a scattare fotografie e ha continuato a lavorare fino a tardi nella sua vita diventando probabilmente il più noto fotografo Sudafricano della storia.

Per oltre 50 anni David Goldblatt ha documentato con la sua fotografia la complessità e le contraddizioni della società sudafricana. Osservatore della quotidianità dell’apartheid, ha orientato le sue ricerche alla lettura della situazione contemporanea del suo Paese che, nonostante le promesse di una “Rainbow Nation”, è ancora segnata da forte disgregazione sociale.

I suoi scatti e i suoi racconti sono quasi sempre stati immortalati in bianco e nero perché "alcune cose - diceva - sono troppo dure e difficili per poterle fotografare a colori".

David Goldblatt

David Goldblatt è stato il primo artista sudafricano a esporre nel 1998 una mostra personale al MoMA di New York. Ha partecipato a Documenta a Kassel e a mostre nei più importanti musei internazionali. Nel 2006 ha vinto l’Hasselblad Award e nel 2009 l’Henri Cartier Bresson Award.

Un altro grande artista che se ne va.

David Goldblatt David Goldblatt David Goldblatt