Esposizione: capiamo come agisce la fotocamera

1160

Operare in modo ad avere una esposizione corretta è lo scopo di ogni fotografo e una delle condizioni necessarie (ma non sufficienti) per ottenere una bella fotografia. Di esposizione abbiamo già parlato in qualche articolo precedente (qui, qui e qui).

Mentre tali articoli parlano dell’esposizione dal punto di vista del fotografo, vediamo ora cosa succede, dal punto di vista della macchina fotografica, quando andiamo a selezionare una delle diverse modalità che consentono di regolare l’esposizione.

La prima cosa da dire è che ogni fotocamera ha un proprio esposimetro incorporato. Comprendere come le diverse modalità selezionabili di misura dell’esposizione vanno a controllare il modo in cui la fotocamera espone la tua fotografia, è indispensabile per ottenere delle buone immagini.

Quale è il contrasto nella tua immagine? Se la tua immagine ha pochissimo contrasto, la tua macchina fotografica ti darà una buona risposta qualunque sia la modalità impostata. Se, invece, è presente un contrasto elevato, la scelta della modalità corretta consentirà di ottenere risultati migliori.

Nella maggioranza delle fotocamere sono presenti tre modalità di misurazione dell’esposizione:

  • media
  • spot
  • ponderata centrale

La scelta della modalità più appropriata dipende dalla scelta del soggetto principale e dall’impostazione delle impostazioni corrette di conseguenza.

Come funzionano le diverse modalità di misurazione dell’esposizione?

Media

Questa modalità è denominata in modo diverso a seconda della marca della fotocamera utilizzata e ogni produttore ha algoritmi diversi per determinare il risultato. Essenzialmente fanno tutti la stessa cosa.

La fotocamera suddivide il mirino in zone e misura la luce in ciascuna. Confronta queste letture della luce. Quindi calcola la media di tutte le informazioni per fornire ciò che decide è la migliore impostazione di esposizione. La maggior parte delle fotocamere ha questa modalità come predefinita. Quando la luce è abbastanza uniforme, l’utilizzo di tale modalità consente di ottenere buoni risultati.

Spot

Usando questa modalità, l’esposimetro misurerà la luce in una piccola area. Devi posizionare il punto esattamente da dove vuoi prendere la lettura. Questo sarà più spesso il tuo soggetto principale.

La posizione del punto all’interno dell’area varia da fotocamera a fotocamera. In alcune fotocamere, il punto si sposta con il punto di messa a fuoco. Su altre fotocamere, rimane fisso al centro dell’inquadratura.

È importante sapere dove si trova il tuo spot, altrimenti l’esposizione potrebbe essere errata. Consulta il manuale della fotocamera o esegui una ricerca online per scoprire come viene posizionato il misuratore dello spot della fotocamera.

Ponderata centrale

Questa modalità legge la luce da un’area al centro dell’inquadratura. La percentuale dell’area varia da videocamera a videocamera.

Di solito è circa il 60%. Alcuni modelli di fotocamera consentono di variare l’area coperta. Questa modalità è utile se componi il soggetto al centro.

Come usare l’esposimetro per controllare l’esposizione

Premendo a metà il pulsante di scatto si attiva l’esposimetro. Si spegne automaticamente dopo un po’ di tempo. Quindi, se non vedi le informazioni che fornisce, potrebbe essersi spento. Se imposti la fotocamera sull’esposizione manuale, vedrai le informazioni visualizzate quando lo strumento è acceso.

In modalità automatica, queste informazioni potrebbero non essere visualizzate. Questo perché è la fotocamera che determina l’esposizione in modo automatico (e questo è un altro argomento a favore della modalità manuale).

Utilizzando la modalità manuale uno “0” sul display indica quando l’esposizione è corretta. Quando il display mostra una fila di punti che si estendono verso il simbolo ““, l’immagine sarà sottoesposta.

Quando il display mostra una fila di punti che si estendono verso il simbolo “+“, l’immagine verrà sovraesposta. Utilizzando queste informazioni, è possibile effettuare le regolazioni richieste per l’apertura, la velocità dell’otturatore e / o ISO.

Perché esistono diverse modalità di esposizione?

Le fotografie vengono catturate da fotocamere digitali che registrano la luce riflessa. La luce e il tono dei tuoi soggetti sono variabili. È necessario impostare l’esposizione in base alla luminosità o all’oscurità del soggetto.

Effettuando una composizione con pochissime variazioni tonali quando la luce è piatta, la fotocamera effettuerà facilmente un’esposizione corretta. Quando il contrasto è elevato, in particolare quando la luce è intensa, può essere più difficile ottenere un’esposizione corretta.

In situazioni di forte contrasto, è importante gestire il tuo esposimetro.

Devi leggere la luce dall’area più importante della tua composizione. La scelta della misurazione media o ponderata al centro può spesso comportare fotografie scarsamente esposte. La misurazione spot è molto utile quando fotografi una composizione in cui c’è molto contrasto. Prendere una lettura del misuratore spot dalla parte principale della composizione ti permetterà di esporla bene.

La fotografia di ritratto è un esempio di quando è utile passare alla modalità di misurazione spot. Il volto della persona è normalmente la parte più importante della tua composizione. Vuoi che il tono della pelle della persona sia esposto bene.

Posizionando il misuratore di spot sul viso del soggetto e prendendo una lettura del misuratore, è possibile regolare l’esposizione di conseguenza.

Se si utilizza una modalità automatica, la fotocamera eseguirà le regolazioni delle impostazioni autonomamente. Utilizzando la misurazione spot su una fotocamera quando il punto è fissato al centro dell’inquadratura, è necessario puntarlo da dove si desidera prendere la lettura.

Utilizzando una modalità automatica quando ti ricomponi per inquadrare il soggetto, dovrai tenere premuto il pulsante di blocco dell’esposizione. Se non blocchi l’esposizione, la fotocamera regolerà nuovamente le impostazioni.

In modalità manuale, le impostazioni rimangono costanti fino a quando non vengono modificate nuovamente.

Conclusione

La scelta della giusta modalità di misurazione dell’esposizione consente di controllare meglio le esposizioni. È importante guardare la luce e il tono nella tua composizione. Quindi determinare l’area più importante per cui esporre. Più contrasto c’è, più è importante misurare bene.