In che modo il Covid-19 sta influenzando l’industria fotografica e video

205

industria fotograficaL’economia mondiale e tutte comunità del mondo sono state duramente colpite dalla pandemia di coronavirus sia dal punto di vista umano che finanziario.

Anche l’industria fotografica ovviamente non ha potuto fare a meno di questa enorme crisi. Fotografi e registi hanno un lavoro che spesso si basa sulla capacità d’interagire con altre persone, ma le misure di distanziamento sociale e il blocco in atto in tutto il mondo ha posto fine a tutto ciò e molti fotografi e videomaker si sono trovati di colpo senza un minimo lavor per i prossimi mesi, come molti di noi purtroppo.

Lens Rentals, il più grande negozio di noleggio attrezzature d’America, ha condotto un sondaggio tra alcune migliaia di fotografi e videomaker che hanno dichiarato, nel 97% dei casi, di aver “perso” la maggior parte dei loro lavori previsti per questi mesi. Solo il 3% ha dichiarato di non aver risentito del blocco.

E’ molto preoccupante il fatto che il 18,6% degli intervistati (18,24% di fotografi e 20,37% dei videomaker) ha dichiarato di aver preso in considerazione l’idea di abbandonare completamente le rispettive industrie a causa delle difficoltà che COVID-19 ha causato alle loro attività.

Premettiamo che stiamo parlando di un sondaggio americano ma purtroppo siamo certi che la situazione sia la stessa anche quan in Italia e in tutta Europa.

Lens Rentals afferma di avere in programma di condurre mensilmente questi sondaggi in modo che le persone possano avere un’idea di come sta andando l’industria fotografica durante l’epidemia e di aiutare tutti, il più possibile, a individuare eventuali segnali di ripresa.

Di seguito alcune domande fatte a fotografi e videomaker con i relativi risultati in percentuale. PS.Il sondaggio è in inglese.

industria fotograficaindustria fotograficaindustria fotografica

© Riproduzione riservata