Pentax K-1 Mark II: l’ammiraglia di casa Ricoh si rinnova

290

Pentax K-1 Mark II

2 anni fa Pentax è entrata nel mondo delle digitali full frame lanciando sul mercato la Pentax K-1, una fotocamera nata per soddisfare tutti i “pentaxiani” e con un corpo macchina in grado di sfruttare al meglio le ottiche Pentax nate per le reflex a pellicola 35mm.

A distanza di 2 anni esatti Ricoh, proprietaria del marchio Pentax, aggiorna la sua fotocamera TOP di gamma presentando la nuova Pentax K-1 Mark II la quale condivide molte carattetistiche con la sorella minore pur migliorandosi sotto molti aspetti.

Sulla Pentax K-1 Mark II troviamo lo sesso sensore full frame della sua precedente edizione, un CMOS da 36,4 megapixel affiancato dal processore d’immagine Prime IV migliorato a tal punto da espandere la sensibilità ISO sino a 819.200, ben distante dalla sensibilità massima del modello precedente che si fermava a 209.400. Il prezzo da pagare per raggiungere questi valori è un maggior consumo di batteria che fa scendere l’autonomia da 760 scatti a 670.

Pentax K-1 Mark II

Sul sensore della Pentax K-1 Mark II troviamo anche uno stabilizzatore a 5 assi e una nuovissima funzione chiamata “Dynamic Pixel Shift Resolution” che permette di combinare 4 scatti per creare un’unica immagine ad altissima risoluzione  semplicemente spostando il sensore di un pixel alla volta!

Sulla vecchia Pentax K-1 era presente questa funzione ma era “obbligatorio” avere la fotocamere su un treppiede per non muoverla minimanente. Sulla nuova Pentax K-1 Mark II invece, questa caratteristica è stata migliorata talmente tanto che questa tecnica può tranquillamente ssere usata anche con foto scattate a mano libera, dato che il nuovo Dynamic Pixel Shift Resolution legge anche i dati dello spostamento della fotocamera per poi compensarli con quelli del sensore.

Pentax K-1 Mark II

Dal punto di vista dell’autofocus, Pentax dichiara di aver migliorato gli algoritmi rispetto al precedente modello e di offrire migliori prestazioni sui soggetti in movimento. La raffica non è cambiata e sulla Pentax K-1 Mark II rimane a 4,4 fps.

Il corpo macchina è interamente costruito in lega di magnesio ed è resistente agli agenti atmosferici. Sul retro troviamo un display articolato da 3.2 pollici e 1,04 milioni di punti di risoluzione.

Pentax K-1 Mark II

Un punto decisamente negativo per una top di gamma come la Pentax K-1 Mark II è la mancanza dei video in formato 4K, oramai standard su questo tipo di fotocamere. Le registrazioni video rimangono ferme a 1080p a 30 fps.

Pentax K-1 Mark II sarà disponibile sul mercato a partire da fine Marzo 2018 ad un prezzo che si aggirerà attorno ai 2000 euro nella versione solo corpo. Per i possessori della vecchia Pentax K-1 ci sarà un interessante possibilità: con 550 euro (più o meno) si potrà fare un upgrade sostituendo semplicemente la scheda madre interna trasformando di fatto una vecchia fotocamera nella nuovissima Pentax K-1 Mark II.

Pentax K-1 Mark II

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here