La “Vera Fotografia” di Gianni Berengo Gardin

33

gardinvera

Il Palazzo delle Esposizioni di Roma ospiterà dal 19 Maggio al 28 Agosto 2016 la mostra del grande fotografo ligure Gianni Berengo Gardin dal titolo: “Vera Fotografia. Reportage, immagini, incontri” nella quale l’autore racconta il nostro paese di questi ultimi 50 anni. A “vera fotografia” saranno esposte 250 delle sue opere, alcune delle quali completamente inedite in modo da offrire nuove chiavi di lettura per comprendere il suo lavoro consapevole della realtà che solo una “vera fotografia” può offire.

Tutte le opere esposte sono in bianco e nero che, secondo Gardin, è decisamente più adatto al reportage rispetto al colore e sono state scattate con le sue adorate macchine analogiche tra le quali: l’amata Leica, la Contax, la Nikon e l’Hasselblad.

vera fotografia
© Gianni Berengo Gardin/Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

Sei sezioni che, spiegano gli organizzatori, “Rispettando la successione temporale dei reportage realizzati nel corso della lunga carriera di Berengo Gardin, intrecciano tra loro in un unico percorso: Venezia; Milano e il lavoro; Manicomi, zingari e foto di protesta; Italia e ritratti; Le donne; Visioni del mondo: paesaggi e Grandi Navi“.

Vera fotografia
© Gianni Berengo Gardin/Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

La vita e il lavoro di Gianni Berengo Gardin costituiscono una scelta di campo, chiara e definita: fotografo di documentazione sempre, a tutto tondo e completamente. Essere fotografi per lui significa assumere il ruolo di osservatore e scegliere un atteggiamento di ascolto partecipe di fronte alla realtà, così come hanno fatto i grandi autori di documentazione del Novecento.

Quando fotografo amo spostarmi, muovermi. Non dico danzare come faceva Cartier-Bresson, ma insomma cerco anch’io di non essere molto visibile. Quando devo raccontare una storia, cerco sempre di partire dall’esterno: mostrare dov’è e com’è fatto un paese, entrare nelle strade, poi nei negozi, nelle case e fotografare gli oggetti. Il filo è quello; si tratta di un percorso logico, normale, buono per scoprire un villaggio ma anche una città, una nazione. Buono per conoscere l’uomodice Gardin.

Vera fotografia
© Gianni Berengo Gardin/Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

In mostra anche 24 fra gli scatti più famosi, proposti in grande formato, commentati da amici, artisti, registi, scrittori come Marco Bellocchio, Carlo Verdone, Maurizio Maggiani, Renzo Piano, Vittorio Gregotti, Jannis Kounellis e i colleghi Ferdinando Scianna e Sebastiao Salgado.

Il percorso espositivo è completato da una selezione dei numerosi libri pubblicati da Gianni Berengo Gardin. Nel corso degli anni ne ha realizzati oltre 250: testimonianze del lavoro svolto dall’autore e del grande interesse che egli ha suscitato in ambito editoriale.

INFORMAZIONI

Gianni Berengo Gardin. Vera fotografia. Reportage, immagini, incontri

Dove: Palazzo delle Esposizioni, via Nazionale 194, Roma

Quando: 19 maggio – 28 agosto 2016

Orari: domenica, martedì, mercoledì e giovedì: dalle 10.00 alle 20.00; venerdì e sabato: dalle 10.00 alle 22.30; lunedì chiuso

Ingresso: intero € 12,50; ridotto € 10.00. Permette di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni.

Altre Info: singoli, gruppi e laboratori d’arte tel. 06 39967500; www.palazzoesposizioni.it

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here