World press photo 2022: annunciati i vincitori

12 apr 2022
49

World press photo 2022

Sono stati annunciati ufficialmente i vincitori del world press photo 2022, il più importante e famoso consorso fotografico giornalistico al mondo.


Quest'anno, il World Press Photo ha assunto un nuovo format che è suddiviso in regioni. L'organizzazione ha scoperto che c'era uno squilibrio nella rappresentazione tra i partecipanti, le storie e i vincitori con il precedente sistema di concorso. Nel 2021, solo il 7% dei partecipanti proveniva dal Sud America, il 5% dal Sud-est asiatico e dall'Oceania e il 3% dall'Africa.


L'organizzazione ha ritenuto che questo non fosse rappresentativo del talento fotogiornalistico di tutto il mondo, e ha cercato di cambiare i suoi metodi per riflettere questo. Il sistema è stato cambiato in un formato a sei "regioni": Africa, Asia, Europa, Nord e Centro America, Sud America e Sud-Est asiatico e Oceania. Tra i vincitori di ogni "regione", la giuria ha selezionato i 24 vincitori complessivi e da lì, ha selezionato i suoi quattro vincitori globali:

  • World Press Photo of the Year
  • World Press Photo Story of the Year
  • World Press Photo Long-Term Project Award
  • World Press Photo Open Format Award



Questi 4 vincitori sono stati scelti tra un totale di 65.000 fotografie provenienti da 103 differenti paesi. Ogni vincitore regionale ha ricevuto un premio in denaro di 1000 euro, l'inclusione nella mostra mondiale e nell'annuario, la pubblicazione e un profilo personale sul sito del world press photo, la promozione su tutte le piattaforme dell'organizzazione e un premio fisico. I 4 vincitori globali hanno ricevuto un ulteriore premio di 5000 euro.


World Press Photo of the Year


"Abiti rossi appesi alle croci lungo il bordo di una strada commemorano i bambini morti alla Kamloops Indian Residential School, un'istituzione creata per assimilare i bambini indigeni, in seguito al rilevamento di ben 215 tombe senza nome, Kamloops, British Columbia, 19 giugno 2021."


Kamloops Residential School - by Amber Bracken, Canada, for The New York Times

World press photo 2022


World Press Photo Story of the Year

Gli indigeni australiani bruciano strategicamente la terra in una pratica nota come "cool burning", in cui gli incendi si muovono lentamente, bruciano solo il sottobosco e rimuovono l'accumulo di combustibile che alimenta incendi più grandi. Il popolo Nawarddeken dell'Arnhem Land occidentale, in Australia, pratica da decine di migliaia di anni il "cool burn" controllato e vede il fuoco come uno strumento per gestire la sua terra. I ranger Warddeken combinano la conoscenza tradizionale con le tecnologie contemporanee per prevenire gli incendi, diminuendo così la CO2 che riscalda il clima


Saving Forests with Fire - Matthew Abbott, Australia, for National Geographic/Panos Pictures

World press photo 2022 3World press photo 2022 4World press photo 2022 2

World Press Photo Long-Term Project Award

La foresta pluviale amazzonica è sotto grande minaccia, poiché la deforestazione, l'estrazione mineraria, lo sviluppo infrastrutturale e lo sfruttamento di altre risorse naturali guadagnano slancio sotto le politiche ambientalmente regressive del presidente Jair Bolsonaro. Dal 2019, la devastazione dell'Amazzonia brasiliana sta correndo al suo ritmo più veloce in un decennio.


Un'area di straordinaria biodiversità, l'Amazzonia è anche sede di più di 350 diversi gruppi indigeni. Lo sfruttamento dell'Amazzonia ha una serie di impatti sociali, in particolare sulle comunità indigene che sono costrette ad affrontare un significativo degrado del loro ambiente, così come il loro stile di vita.


“Amazonian Dystopia,” Lalo de Almeida, Brazil, for Folha de São Paulo/Panos Pictures

World press photo 2022 4 5World press photo 2022 4 6World press photo 2022 4 7

World Press Photo Open Format Award

Attraverso storie personali, "Blood is a Seed" si interroga sulla scomparsa dei semi, la migrazione forzata, la colonizzazione e la conseguente perdita di conoscenze ancestrali. Il video è composto da fotografie digitali e cinematografiche, alcune delle quali sono state scattate su pellicola 35mm scaduta e successivamente disegnate dal padre di Romero. In un viaggio al loro villaggio ancestrale di Une, Cundinamarca, Colombia, Romero esplora le memorie dimenticate della terra e delle colture e viene a conoscenza di suo nonno e della sua bisnonna che erano "custodi dei semi" e coltivavano diverse varietà di patate, solo due delle quali esistono ancora principalmente.


“Blood is a Seed,” Isadora Romero, Ecuador

World press photo 2022 4 7 8World press photo 2022 4 7 9


Potrebbe interessarti anche